Quali sono le tasse obbligatorie da pagare per l’acquisto seconda casa?

Seconda casa: imposte da preventivare prima di comprare un immobile

costo imposte acquisto seconda casa

Se l’acquisto prima casa è incentivato da aliquote agevolate che rendono meno onerose le imposte da pagare, per il successivo immobile le cose cambiano e il preventivo delle tasse per l’acquisto seconda casa è assai più gravoso per le tasche del compratore.

Le imposte per comprare la seconda casa rientrano tra le spese notarili in quanto è il “notaio incaricato” a pagare quanto dovuto agli enti di riferimento. La parcella del notaio infatti non presenta una sola voce di spesa che riguarda il suo onorario (compenso che non cambia in riferimento a 1ª o 2 ª casa), ma anche tutta una serie di costi dovuti all’Erario: imposta di registro, imposta catastale, bollo, voltura e così via. Sono appunto le tasse da versare per la seconda casa a rendere molto più alte le spese notarili rispetto al primo immobile e le spese per la compravendita aumentano se si sceglie un’immobile di lusso.

A far salire l’ago della bilancia è, nello specifico, l’imposta di registro per l’acquisto seconda casa che dal 2% o da una quota fissa di 200 € sale al 9% calcolato sul valore catastale.

Vediamo nel dettaglio i valori delle tasse e imposte per acquisto seconda casa e l’ultima novità introdotta dalla Legge di Stabilità 2016.

Se la compravendita della casa avviene tra privati:

  • Imposta ipotecaria – 50 €
  • Imposta catastale – 50 €
  • Imposta di registro – 9%

NB: imposta di registro viene calcolata sulla rendita catastale x coefficiente 2ª  casa di 126 (ovvero valore fiscale della casa). Se, ad esempio, la seconda casa ha un valore catastale di 500 €:
500 x 126 = 63.000 € di valore fiscale.
9% (imposta di registro) di 63.000 = 5.670 €
Totale tasse acquisto seconda casa: 5.770 €

Al totale andrà poi aggiunto l’onorario del notaio che, orientativamente, potrete calcolare aggiungendo una spesa tra il 2/3% del valore dell’immobile.

Se la compravendita della casa avviene con una impresa costruttrice

Imposta fissa ipotecaria di 200 € + tassa ipotecaria di 35 €
Imposta fissa di registro di 200 €
Imposta fissa catastale di 200 € + voltura catastale di 55 €
Imposta di bollo di 230 €
IVA al costruttore in base al prezzo della casa variabile tra il 10 e il 22%

Novità Legge di Stabilità
Secondo le ultime agevolazioni casa tutto resta invariato in riferimento alle aliquote vantaggiose per l’acquisto della prima casa. In riferimento alla seconda casa invece nel comma 1 della nota II-bis si fa presente come si possa usufruire delle agevolazioni prima casa se il primo immobile comprato venga venduto entro 12 mesi dall’acquisto del secondo.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*